La Repubblica condizionerà l’ottusità del PD. E sarà caos.

Il Pd, pervicacemente, non se ne vuole rendere conto e, comunque, non si decide a porvi riparo. Il quotidiano di De Benedetti, da sempre, guida il PD, più o meno 

apertamente, condizionandolo, sotto il profilo psicologico, suggerendo la linea politica, costringendolo alle iniziative, le azioni, che più possano corrispondere agli interessi del suo padrone, mascherandole abilmente come di logica Sinistra.
La condizione, determinatasi a motivo di tanto strano imprevisto risultato, caratterizzata da una oggettiva difficoltà a creare un governo stabile, affidabile, provoca nervosismi finanziari, timori di incertezze, di inconsistenza decisionale, operativa, soprattutto per la forza del M5S. I partners europei, e non solo, si sono subito resi conto dell’unica via percorribile: un governo di alleanza PD-PDL. Non si fidano, non possono fidarsi della estemporaneità di Grillo, del suo antieuropeismo, del suo assoluto rifiuto delle regole classiche della politica, nazionale ed internazionale.
La Repubblica, che già pensava, goduriosa, di aver tolto di mezzo Berlusconi, il suo grande eterno ostacolo ai suoi interessi, tenderà ad accreditare che lo sgomento internazionale è dovuto alla ridiscesa in campo del Cavaliere, e consiglierà a Bersani, agli allocchi del PD, di impegnarsi ad impedire ogni tipo di soluzione che veda coinvolto il “suo” nemico, che renda questi in condizione di potere. Consiglierà di rivolgersi a Grillo, anche se questi rifiuta ogni accenno di accordo; consiglierà di giocare a fare i puri che non possono compromettersi con il peccatore, l’autore unico dei nostri mali. 
Sarà una continua edizione di motivi per non permettere la Santa Alleanza, interessato, La Repubblica, ai cacchi suoi, come sempre…Senza che il PD lo capisca, mai…

La Repubblica condizionerà l’ottusità del PD. E sarà caos.ultima modifica: 2013-03-24T17:58:00+01:00da zorro1914
Reposta per primo quest’articolo